L’Europa scommette sulla digitalizzazione producendo nuove direttive e valorizzando le innovazioni grazie all’aiuto delle I.A.

20/02/23

La commissione Europea ha presentato le strategie per il prossimo decennio e gli obiettivi per il 2030 con l’intento di dare maggior forza a imprese e cittadini e garantire, quindi, un futuro digitale più rigoglioso e sostenibile. Tra i punti cardine della programmazione strategica ci sono:

  • avere cittadini dotati di competenze digitali e professionisti qualificati nel settore digitale;

  • rendere le infrastrutture digitali sostenibili, sicure e performanti;

  • coinvolgere le imprese nella trasformazione digitale;

  • la digitalizzazione dei servizi pubblici.

Per raggiungere questo scopo, la Commissione Europea ha accelerato la produzione di direttive utili, tra le quali troviamo il nuovo regolamento eIDAS sull’identificazione elettronica e i servizi fiduciari, il cui fine è quello di fornire un’unica identità digitale europea. Grazie a questo nuovo regolamento sarà possibile svolgere qualsiasi operazione con maggior sicurezza e controllo delle informazioni da parte dei cittadini.

Un’unica identità digitale che assicurerà nuovi diritti digitali ad integrazione di quelli già esistenti, sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’UE e la legislazione in materia di protezione dati e privacy con il solo scopo di permettere a tutti i cittadini dell’UE di godere dei vantaggi offerti dalla trasformazione digitale e fornire linee guida essenziali per gli Stati membri dell’UE, per le imprese e le organizzazioni che lavorano nel campo delle nuove tecnologie.

Come fulcro della trasformazione digitale troviamo le persone e i loro diritti, l’aumento della sicurezza e la protezione e la promozione della sostenibilità del futuro digitale.

Nel contesto normativo è stata, quindi, regolamentata l’introduzione delle tecnologie per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e, in particolare, in Italia sono state istituite delle linee guida sulla formazione, gestione e conservazione di documenti informatici che nel tempo hanno trovato larga diffusione nella Pubblica Amministrazione. Si è resa così sempre più necessaria la presenza di professionisti formati in materia di gestione documentale, in grado, non solo di aggiornare piattaforme e digitalizzare gli archivi dall’analogico al digitale, ma anche in grado di replicare metodologie obsolete a adeguarle ai nuovi ambienti. L’obiettivo finale sarà quello di produrre documenti che andranno conservati garantendo leggibilità e autenticità le quali attualmente sono messe a rischio da tecnologie superate; fortunatamente l’Intelligenza Artificiale giocherà un ruolo fondamentale nel migliorare il rapporto tra cittadini, PA e imprese, infatti, l’applicazione delle IA alla gestione documentale permetterà di semplificare la classificazione dei documenti, ottimizzare l’accesso ai dati e automatizzare i processi, offrendo l’opportunità di costruire sistemi di conservazione sempre più affidabili e sicuri.

Fonte news
img

AllegatiWidget

Condividi

RelatedNewsWidget

Aggregatore Risorse

Altre notizie

10 lug 2024

PNRR, sguardo sull’avanzamento dello stato attuativo delle Misure del PNRR

Proseguono le attività di attuazione dei progetti di cui agli avvisi PA Digitale 2026. 

Leggi di più
09 lug 2024

PNRR, nuova apertura avvisi 1.4.5 PagoPA

In data 24 giugno è stato pubblicato un nuovo Avviso PNRR pagoPA con una disponibilità di 15 milioni di euro.

Leggi di più
08 lug 2024

Scadenza contratti di connettività

È previsto con la fine del mese la scadenza di numerosi contratti di connettività forniti dal CST. Si comunica che è stata fatta una gara pubblica a cui hanno partecipato diversi fornitori per la sostituzione del soggetto erogatore nel rispetto del principio di rotazione.

Leggi di più