Open Data

CONTESTO DI RIFERIMENTO

il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (2020-2022) pone i seguenti obiettivi in materia di Open Data:

- favorire la condivisione e il riutilizzo dei dati tra le PA e il riutilizzo da parte di cittadini e imprese aumentando il numero di basi dati disponibili in formato Open Data (OB.2.1);

 - aumentare la qualità dei dati e dei metadati aderendo agli standard di rifermento europei e dei cataloghi nazionali (OB.2.2);

- aumentare la consapevolezza sulle politiche di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico (OB.2.3).

Gli Enti pubblici hanno dato una prima risposta positiva per quanto concerne la pubblicazione di Open Data, spinti in particolare dall’obbligo del D.Lgs 33/2013 in materia di trasparenza. Tuttavia, le amministrazioni, in particolare i piccoli comuni, hanno difficoltà a fare propri i processi necessari a pubblicare sistematicamente dati in formato aperto. Tra le principali difficoltà è possibile citare la carenza di competenze necessarie per gestire il processo di produzione e pubblicazione di Open Data. Il servizio di supporto in oggetto si propone di risolvere tale criticità, accompagnando l’Ente lungo due linee di intervento:

  • fornire all’Amministrazione gli strumenti teorici per governare i processi di valorizzazione del patrimonio informativo interno (in linea con l’obiettivo 2.3 del Piano Triennale)
  • supportare tutto il processo di pubblicazione di dati aperti, utilizzando alcuni dataset pilota individuati dall’amministrazione, in modo da rendere il personale interno autonomo nella pubblicazione di Open Data secondo gli standard qualitativi definiti dalle linee guida (in linea con gli obiettivi 2.1 e 2.2 del Piano Triennale)

OGGETTO DEL SERVIZIO

Nell’ambito del contesto delineato, si propone un servizio che si articola in:

  1. Percorso formativo incentrato sul tema degli Open Data. I referenti dell’Amministrazione parteciperanno ad una sessione formativa dedicata ad approfondire i seguenti temi:
    1. Che cosa sono gli Open Data, con particolare riferimento alle caratteristiche tecnologiche (formato, qualità del dato) e giuridiche (licenze, proprietà del dato);
    2. Come si pubblicano gli Open Data: quali sono gli step da seguire e quali strumenti di supporto possono essere utilizzati;

Output: al termine della sessione formativa verrà messo a disposizione dell’Amministrazione un documento di linee guida contenente il materiale e gli strumenti utilizzati per la formazione;

  1. Mappatura dei dati ed individuazione dei dataset pilota. In questa fase si procederà a identificare i dataset attualmente in possesso dell’Amministrazione classificandoli secondo alcune caratteristiche rilevanti (a titolo di esempio: frequenza di aggiornamento, soggetto proprietario del dato, qualità del dato, conformità con il paniere dei dati di Regione Lombardia). Si procederà poi a scegliere, sulla base delle caratteristiche mappate, quali dataset prioritari portare a pubblicazione.

Output: documento, in formato tabellare, contente l’elenco dei dataset mappati e le caratteristiche individuate;

  1. Bonifica dei dataset pilota (fino a 5 dataset compresi) con l’obiettivo di renderli conformi alle linee guida nazionali ed internazionali. In questa fase, per ogni dataset individuato come pilota nella fase precedente, si procederà a trattarlo in modo da correggere eventuali errori (a titolo di esempio: campi mancanti, struttura non conforme alle linee guida, eventuali problemi di privacy).

Output: per ogni dataset identificato nella fase precedente verrà rilasciato un file in formato tabellare da utilizzare per il caricamento sul portale di Regione Lombardia e come traccia per gli uffici in fase di raccolta dati;

  1. Pubblicazione dei dataset sul portale di Regione Lombardia1 (https://dati.lombardia.it). In questa fase, i referenti dell’Amministrazione verranno formati nell’utilizzo delle interfacce presenti nel portale Open Data di Regione Lombardia e saranno affiancati nella pubblicazione dei dataset pilota individuati nelle fasi precedenti.

Output: breve report dei dataset pubblicati.

Oltre al servizio base sopra descritto, è possibile avvalersi di un modulo aggiuntivo a completamento delle attività sopra descritte. Il modulo aggiuntivo si pone l’obiettivo di supportare il percorso di implementazione degli automatismi di pubblicazione e aggiornamento che consentano di gestire tutto il processo di pubblicazione sul portale regionale senza interventi diretti da parte degli uffici dell’Ente. L’opportunità di creare questo tipo di automatismi dovrà essere valutata in funzione del tipo di dataset e degli strumenti con cui è gestito. Questo modulo aggiunge quindi, alle attività precedentemente descritte, il supporto nel coordinare le software house eventualmente individuate per realizzare automatismi di pubblicazione e aggiornamento dati sul portale Regione Lombardia.

Referente del servizio

Dott. Marco Albertini

Per informazioni sul servizio erogato, rimane reperibile il Responsabile Operativo e Sviluppo Nuovi Servizi Dott. Marco Albertini ai seguenti recapiti:

Email: coordinatore-cst@provincia.lecco.it

Telefono: 388 833 5326

Personale addetto

Per i contatti telefonici e d’ufficio:

Dal lunedì al venerdì: 8 – 13 / 13.30 – 16.30;

Telefono: 0341 295295

E-mail: centrosistema@provincia.lecco.it

RelatedServiziWidget

Aggregatore Risorse

I nostri servizi

Vulnerability Assessment & Penetration Test

CONTESTO DI RIFERIMENTO Una vulnerabilità è definita nello standard ISO 27000 come "una debolezza di una risorsa o di un gruppo di risorse che può essere sfruttata da una o più minacce" (ISO/IEC 27000:2018). Ogni sistem …

Leggi di più
App Gestione dei Rifiuti SMART

CONTESTO DI RIFERIMENTO La Commissione Europea ha stabilito precisi obiettivi in merito alla gestione dell’ambiente, dello smaltimento e recupero dei rifiuti urbani nel nuovo “Pacchetto di azioni per promuovere la trans …

Leggi di più
RAO Pubblico - rilascio dello SPID alla cittadinanza

CONTESTO DI RIFERIMENTO A partire dal primo marzo 2021, come indicato dal Decreto Semplificazioni (D.L. 16 luglio 2020, n. 76), SPID e CIE diventano le sole credenziali per accedere ai servizi digitali della PA. Si po …

Leggi di più