Verifica e potenziamento delle competenze digitali

CONTESTO DI RIFERIMENTO
È opinione comune che un uso ampio e pervasivo delle tecnologie digitali nei processi operativi della pubblica amministrazione e nella gestione dei rapporti con cittadini e imprese possa rappresentare un’importante opportunità di crescita economica per il Paese, oltre ad assicurare maggiore trasparenza del sistema pubblico e qualità dei servizi erogati.

Nel corso degli ultimi anni molti interventi programmatici sono andati nella direzione di favorire una trasformazione digitale della pubblica amministrazione (di seguito anche PA), prevedendo obiettivi anche ambiziosi.

Tuttavia, l’effettiva realizzazione di questa trasformazione è proceduta a rilento.

Molti sono i fattori alla base di tale ritardo. Tra questi emerge l’assenza di una cultura del digitale e dell’innovazione condivisa a tutti i livelli dell’amministrazione. Secondo quanto rileva la Banca d’Italia nel Rapporto sull’informatizzazione delle amministrazioni locali (2017) la mancanza di competenze rientra tra gli ostacoli che influiscono maggiormente sulla difficoltà manifestata dalle amministrazioni ad aumentare il ricorso alle nuove tecnologie per migliorare i servizi offerti all’utenza, al pari della mancanza di risorse e delle difficoltà organizzative. Il basso livello di competenze digitali è peraltro una criticità che contraddistingue l’Italia nel suo complesso. Secondo il Digital Economy & Social Index (DESI) sia nel 2017 che nel 2018 l’Italia ha continuato a posizionarsi ai livelli più bassi rispetto alla dimensione “Capitale umano” - che include l’uso di Internet e le competenze digitali di base e avanzate - mentre nel 2019 ha addirittura conseguito la prestazione peggiore.

In questo quadro generale, il tema della valutazione e del potenziamento delle competenze digitali del proprio personale rappresenta un elemento di attenzione su cui intervenire per favorire il percorso di transizione alla modalità operativa digitale in corso.

OGGETTO DEL SERVIZIO
Il servizio punta all’accrescimento mirato delle competenze digitali del personale dell’ente. Sarà condotto attraverso un’attività preliminare di inquadramento dei livelli di competenze richiesti sulla base della qualifica del personale coinvolto e al successivo svolgimento delle seguenti 3 fasi di lavoro:

valutazione dei livelli di competenze di partenza e conseguente definizione dei gap da colmare per il raggiungimento dei livelli richiesti in relazione ai diversi profili di qualifica del personale;
progettazione di azioni formative mirate sulla base delle esigenze definite nei punti precedenti;
svolgimento delle sessioni di formazione per il potenziamento delle competenze.


Fase 1 – Assessment delle competenze digitali

Questa fase ha l’obiettivo di delineare lo stato dell’arte in termini di competenze del personale dell’ente, per permettere di individuare i gap rispetto alle competenze utili al passaggio alla modalità operativa digitale ovvero allo svolgimento dei propri compiti sfruttando appieno le potenzialità offerte dalle tecnologie digitali.

Il framework proposto per l’assessment sarà una personalizzazione dei principali framework europei e nazionali che descrivono le diverse competenze digitali e convergono sulla classificazione delle competenze rappresentata in Figura 1. Questa scelta a garanzia della robustezza delle analisi e per abilitare eventuali future valutazioni comparative.


 

Più nello specifico, analogamente a quanto prevede il Syllabus del progetto “Competenze digitali per la PA” del Dipartimento della Funzione Pubblica, il framework utilizzato si baserà sull’impianto del framework europeo sulle competenze di cittadinanza digitale e, coerentemente con il target di utenti e con le finalità del progetto, si concentrerà prevalentemente sugli aspetti riguardanti le competenze digitali complementari richieste ad un dipendente pubblico che lavora in ambienti digitali.

I test saranno somministrati on-line. A seguito della somministrazione dei test il singolo partecipante riceverà immediatamente il risultato della propria prova.

Si procederà poi con la rielaborazione dei dati e la redazione del report di assessment che fornirà un quadro complessivo della situazione rilevata.

Fase 2 - Definizione di percorsi di rafforzamento delle competenze

Questa fase è finalizzata alla definizione di un programma di rafforzamento delle competenze mirato sulle necessità del personale del Comune. Nello specifico il programma sarà costruito nell’ottica di trasferire al personale dell’ente know-how, metodi e strumenti per colmare i gap di competenze individuati attraverso la comparazione dei livelli di competenza espressi dal personale durante la precedente fase di assessment e i livelli di competenza attesi e delineati nell’ambito dei framework di riferimento adottati.

Fase 3 – Svolgimento dei percorsi formativi

In questa fase di progetto si procederà con lo svolgimento dei percorsi formativi finalizzati a colmare i gap di competenze individuati.

Nello specifico si prevede lo svolgimento di sessioni di formazione on-line, che, sulla base delle esigenze individuate, potranno integrare lezioni teoriche, la presentazione di casi ed esercizi pratici. Per la pratica si adotteranno metodi collaborativi quali: laboratorio per la rielaborazione delle nozioni acquisite attraverso percorsi di costruzione cooperativa della conoscenza; approfondimento dando ai partecipanti la possibilità di affinare le nozioni acquisite durante la lezione frontale attraverso il ricorso ad esempi pratici; analisi di casi pratici; esercitazione di gruppo.

Potranno altresì essere sviluppate delle video-pillole formative fruibili in modalità asincrona dai discenti. Gli strumenti di formazione saranno aggiornati nel tempo e potranno essere completati riutilizzando gli strumenti che saranno eventualmente messi a disposizione attraverso il progetto Syllabus non appena entrerà nella fase di esercizio 

In ultima istanza gli enti potranno valutare percorsi di potenziamento pratici per il proprio personale attraverso lo svolgimento di attività di affiancamento operativo (training on the job).

Al termine del percorso formativo i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione e potranno nuovamente svolgere in autonomia il test di assesment per verificare il livello di competenze conseguito.

Referente del servizio

Dott. Marco Albertini

Per informazioni sul servizio erogato, rimane reperibile il Responsabile Operativo e Sviluppo Nuovi Servizi Dott. Marco Albertini ai seguenti recapiti:

Email: coordinatore-cst@provincia.lecco.it

Telefono: 388 833 5326

Personale addetto

Per i contatti telefonici e d’ufficio:

Dal lunedì al venerdì: 8 – 13 / 13.30 – 16.30;

Telefono: 0341 295295

E-mail: centrosistema@provincia.lecco.it

RelatedServiziWidget

Aggregatore Risorse

I nostri servizi

Vulnerability Assessment & Penetration Test

CONTESTO DI RIFERIMENTO Una vulnerabilità è definita nello standard ISO 27000 come "una debolezza di una risorsa o di un gruppo di risorse che può essere sfruttata da una o più minacce" (ISO/IEC 27000:2018). Ogni sistem …

Leggi di più
App Gestione dei Rifiuti SMART

CONTESTO DI RIFERIMENTO La Commissione Europea ha stabilito precisi obiettivi in merito alla gestione dell’ambiente, dello smaltimento e recupero dei rifiuti urbani nel nuovo “Pacchetto di azioni per promuovere la trans …

Leggi di più
RAO Pubblico - rilascio dello SPID alla cittadinanza

CONTESTO DI RIFERIMENTO A partire dal primo marzo 2021, come indicato dal Decreto Semplificazioni (D.L. 16 luglio 2020, n. 76), SPID e CIE diventano le sole credenziali per accedere ai servizi digitali della PA. Si po …

Leggi di più